I giornalisti, in quanto professionisti altamente qualificati sul piano civile e sociale, anche in occasione della vita associativa devono dar prova di buon gusto, senso della misura, capacità di espressione delle proprie opinioni secondo quell’adeguato bagaglio culturale di cui si presume debbano essere in possesso (CNOG, 5.3.1985)