Se ne parla da mesi negli ambienti giornalistici calabresi, e l’attesa è grande per il nuovo quotidiano regionale che conterà sulla direzione di Paolo Guzzanti. Si chiamerà “Cronache delle Calabrie” e dovrebbe essere in edicola intorno alla metà di ottobre (il 12 parrebbe sia il giorno possibile per l’esordio).  Contrariamente alle sempre più insistenti voci che vorrebbero questo nuovo quotidiano più on line che cartaceo, Francesco Graziadio, già  caporedattore del settimanale Corriere della Calabria e, in precedenza, giornalista di Calabria Ora e prima ancora de il Quotidiano della Calabria, oggi demiurgo della Redazione del nuovo quotidiano, conferma che “si tratterà di un giornale cartaceo, distribuito in tutte le edicole della Calabria. Certo, esisterà anche un sito (le cui pagine le sta costruendo Massimo Celani, già docente Unical ed esperto di Comunicazione) del giornale, ma, come per tutti gli altri quotidiani, ad integrazione del cartaceo e non in misura prevalente”. Ad oggi sono dieci i giornalisti su cui “Cronache delle Calabrie” può contare, cinque nella Redazione di Cosenza e altrettanti in quella di Reggio Calabria. “I costi vivi di una sede sono un costo rilevante che, almeno per il momento, abbiamo preferito ottimizzare aprendo, quindi, solo due redazioni. Ovviamente abbiamo tutta una rete di corrispondenti, in modo particolare dalle altre tre province”. Editore di “Cronache delle Calabrie” è Francesco Armentano, titolare dell’agenzia di pubblicità “AgitMedia”, già concessionaria del quotidiano calabrese “Il Garantista”, oggi non più in edicola, diretto da Piero Sansonetti. “Sarà un giornale diverso, più raccontato, con più storie, ma senza, ovviamente, trascurare la cronaca. Come dice Guzzanti, vogliamo fare un giornale che sceglie le notizie e le impone. Un quotidiano che recuperi il ruolo del giornalista capace di raccontare anche senza voci un fatto”.