exodus_m“Giornalisti d’Azione” ha una sola arma nel suo arco: la parola. In questi due anni di lavoro sul territorio, di “parole” con gli altri ambiti della società, abbiamo seminato, non tantissimo in verità, ma di certo ciò che abbiamo potuto, nei limiti del nostro tempo, lo abbiamo fatto. Spiegare al mondo calabrese il ruolo del giornalista, le sue peculiarità, il suo ruolo imprescindibile nella Comunicazione, comincia a dare i suoi piccoli, piccolissimi frutti. Volevo mettervi a parte del fatto che Exodus Cosenza ci ha contattati. Ci ha scelti per far parte di un progetto in cui noi dovremmo, ovviamente, occuparci dell’aspetto comunicativo. Se il progetto dovesse essere approvato, i “Giornalisti d’Azione” lavorerebbero con Exodus Cosenza. Lo sappiamo bene, sono piccole cose ma le riteniamo segnali di un piccolo, modesto, infinitesimale cambiamento dovuto alle nostre…”parole”. E anche in questo 2016 continueremo a seminare. Per questo stiamo approntando incontri con Ordini professionali, con agenzie di convegnistiche e coi Comuni. Non promettiamo di risolvere il problema della disoccupazione, ma ci impegniamo a tentare di creare il terreno fertile affinché qualcosa si muova. Dannazione!