FOTO 1L’idea che abbiamo sui colleghi morosi non è quella di un intervento punitivo, ma, piuttosto, una forte volontà di recuperare i colleghi all’Ordine e al rispetto della legge. Per questo abbiamo pensato a codificare una vera e propria rateizzazione: “Il Consiglio dell’Ordine delibererà immediatamente un piano di rateizzazione per gli iscritti in arretrato con le quote associative. Tale piano – strutturato secondo regole precise – dovrà essere sostenibile e tenere conto delle esigenze dei colleghi disoccupati o con limitate disponibilità economiche. Nello stesso tempo si farà promotore nei confronti del Consiglio nazionale di un’azione volta a diminuire fortemente la quota di iscrizione annuale per i giornalisti che non hanno un lavoro stabile e abbattere la “tassa” per accedere agli esami di Stato”.