Gia’ in occasione, qualche settimana fa, del concerto a Cosenza, avevamo stigmatizzato l’atteggiamento del management di Francesco Gabbani che ha dettato le linee guida per la stampa (niente interviste, filmare solo I primi brani, selezione delle testate da accreditare). Gia’ in quella occasione avevamo provocatoriamente invitato I colleghi ad una civile protesta non realizzando I servizi sul concerto. Ebbene, ora leggiamo che sono sarebbero stati chiesti 20 euro per “acquistare” l’accredito stampa per lo spettacolo del 15 agosto a Reggio Calabria. E’ giusto, e’ questo che merita una categoria che non riesce a farsi rispettare, che accetta linee guida che imbavagliano e dettano le regole di una stampa libera (?). Anche stavolta invitiamo alla protesta civile oscurando mediaticamente il concerto. Certo, anche in questo caso siamo consapevoli che nessuno o quasi aderira’ al nostro invito. Anzi, no, stavolta, forse, qualche adesione in piu’ci sara’. Sapete com’e’, quando si tocca il portafoglio…